INFORMAZIONE ARTE

DAVIDE PEIRETTI

LE STAGIONI DELL’INFORMALE

TORINO 1960-1980

A cura di Angelo Mistrangelo

e opere di Cherchi, Comazzi, Galvano, Garelli, Gribaudo, Mastroianni Ruggeri, Saroni, Scroppo, Soffiantino

 ARCHIVIO DI STATO DI TORINO - Via Piave 21

25 gennaio-22 febbraio 2014

 

Ripresa1 smal

Torino. Nella prestigiosa sede dell’Archivio di Stato di Torino, in via Piave 21, meravigliosamente ristrutturato, si inaugura sabato 25 gennaio, alle 16, la mostra «Davide Peiretti. Le Stagioni dell’Informale. Torino 1960-1980» e opere di Cherchi, Comazzi, Galvano, Garelli, Gribaudo, Mastroianni, Ruggeri, Saroni, Scroppo, Soffiantino, a cura di Angelo Mistrangelo, promossa con la collaborazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e dell’Archivio di Stato di Torino.

L’esposizione ripercorre l’esperienza pittorica e la personalità di Davide Peiretti (Torino 1933-2008), che è stato uno degli interpreti della stagione informale italiana, insieme ad alcuni degli artisti e amici che hanno operato a Torino nel ventennio 1960-1980 nell’area astratto-informale.

La rassegna è uno spaccato di quel periodo ricco di interessi culturali, che ha visto la presenza di pittori e scultori di sicuro rilievo nazionale e internazionale.

Attraverso circa settanta opere, tra pittura e scultura, si delinea una mostra che si avvale della sponsorizzazione della Compagnia di San Paolo, del patrocinio della Città e della Provincia di Torino, Enti pubblici e Associazioni Culturali.

Catalogo con presentazione di Angelo Mistrangelo, testimonianza di Nevio Boni e di Alessandro Peiretti.

La Mostra è organizzata in collaborazione con l’Associazione Piemontese Arte, presieduta da Riccardo Cordero, mentre i concerti sono promossi dalla Associazione Musicale Accademia dei Solinghi, direttore artistico Rita Peiretti.

 


 

CINQUE CONCERTI ALL’ARCHIVIO DI STATO DI TORINO

Il profondo legame tra Davide Peiretti e il mondo musicale si identifica con una serie di strumenti: clavicembalo, violoncello e contrabbasso di sua fattura ed un prezioso bassetto dell’inizio del ‘700 del quale ha curato il restauro, esposti nell’ipogeo dell’Archivio di Stato, dove sono anche in programma cinque concerti nei sabati di apertura della mostra, che gli vengono dedicati dagli amici musicisti.

 

Sabato 25 gennaio - ore 17,00

Andrea Cotti, Francesco Erovigni pianoforte

Musiche di Brahms, Satie, Schubert

 

Sabato 1° febbraio - ore 17,00

Liana Mosca violino, Antonio Mosca violoncello,

Rita Peiretti clavicembalo

Musiche di Bach, Händel, Vivaldi

 

Sabato 8 febbraio - ore 17,00

Patrizia Giannone, Patrizia Osti chitarre, Giorgia Gatti arpa

Musiche di Villa-Lobos, Albeniz, Watkinf, Thomas

 

Sabato 15 febbraio - ore 17,00

Ensemble d’archi dell’Accademia dei Solinghi

Angelo Manzotti sopranista, Lorenzo Girodo flauto dolce,

Luca Ripanti traversiere

Musiche di Vivaldi, Bach

 

Sabato 22 febbraio - ore 17,00

Ensamble Azimants Amor Veraia

"A chantar": poesia e musica a corte: dalla lirica trovadorica alla poesia cortigiana

 


SCHEDA TECNICA

SEDE : Archivio di Stato di Torino, via Piave 21 (Google Maps)

INAUGURAZIONE: sabato 25 gennaio, alle ore 16,00

PERIODO: 25 gennaio-22 febbraio 2014

Orario: lunedì-venerdì 10-18, sabato 10-13/15-19

Locandina (stampabile, 253 kB in formato PDF)

INFO. : www.davidepeiretti.it

011/ 9408754, www.accademiadeisolinghi.it